Esegui una ricerca

Peter Pan

Minnie Luongo, N. 8/9 agosto/settembre 2015

Presidente, ci ricorda chi siete?
« Siamo un’Associazione che offre ai bambini e agli adolescenti malati di tumore e alle loro famiglie, in cura a Roma ma residenti in un’altra città, accoglienza e sostegno. Quando nel 1994 abbiamo dato vita a Peter Pan Onlus eravamo un piccolissimo gruppo di soci fondatori, genitori romani di bimbi e ragazzi in lotta con la malattia. Alcuni sono guariti, altri ci guardano da lassù. Nell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, dove i nostri figli erano in cura, abbiamo conosciuto tante famiglie provenienti da altre Regioni e costrette a trasferirsi nella capitale per offrire speranza di guarigione ai loro figli. Abbiamo toccato con mano i loro pesanti e quotidiani disagi logistici e psicologici, in un momento di per sé destabilizzante come quello della malattia di un figlio. Per stare accanto ai piccoli ricoverati i genitori dormivano in auto e si lavavano alla fontanella, visto che nessuno poteva permettersi l’affitto di una casa o una camera d’albergo in una città cara come Roma (i figli erano ricoverati, anche se spesso le terapie si potevano svolgere in day hospital). È stato così che abbiamo deciso di mettere a disposizione di queste famiglie la nostra esperienza e il nostro appoggio ».

 

Quali sono le vostre principali iniziative?
« Oltre all’attività di volontariato in reparto, abbiamo creato nel 2000 la prima Casa d’accoglienza, realizzata secondo il modello Peter Pan, dove ai confortevoli spazi privati si aggiungono aree comunitarie, come cucina, sala da pranzo, area giochi. Tutto al fine di contrastare la tendenza all’isolamento generata dalla malattia, e favorire la socializzazione tra gli ospiti, realizzando per le famiglie e i loro figli una rete di servizi e facilitazioni con lo scopo di restituire loro il più possibile un clima di normalità e di serenità. I servizi vanno dal supporto psicologico al trasporto quotidiano da e per l’ospedale, alla soluzione dei problemi burocratici imposti dalla malattia, alle attività ludiche, laboratoriali e di svago (gite, visite ai musei, soggiorni vacanza).
Arrivando ad oggi, abbiamo all’attivo la realizzazione di un grande polo d’accoglienza composto da tre case, attuate negli anni con il contributo economico di privati e aziende, con una grande forza di volontà che ci ha permesso di superare tanti ostacoli economici e burocratici, e, dobbiamo dirlo, grazie alla provvidenza, che finora ci è sempre venuta in soccorso. Si trovano tutte nel quartiere di Trastevere, nel raggio di 50 metri, proprio ai piedi del Gianicolo, a 5 minuti dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Possono ospitare contemporaneamente 33 nuclei familiari, sia italiani che stranieri. Ospitalità e servizi, tutti gratuiti, sono garantiti da una rete di volontari e da un piccolo staff professionale. I volontari sono la colonna portante di Peter Pan: organizzati in equipe e per ruolo, sono presenti nelle case 24 ore su 24 e tutti i giorni dell’anno ».

Quali sono i vostri progetti in corso?
« Poiché le terapie sono molto lunghe, per evitare che bimbi e adolescenti perdano l’anno scolastico, abbiamo firmato un protocollo con il Ministero della Pubblica Istruzione per una “ domiciliare scolastica ”. Inoltre, stiamo formalizzando la possibilità di avere stabilmente una domiciliare sanitaria per fare nelle Case piccole pratiche sanitarie non invasive che evitino ai bambini lunghe ore di attesa in day hospital. In ultimo, sono allo studio progetti in favore degli adolescenti, che hanno bisogni specifici, diversi da quelli dei bambini per i quali è stato pensato in origine il polo d’accoglienza di Peter Pan.
Non avendo sovvenzioni o alcuna convenzione pubblica o sanitaria, per noi è fondamentale ricevere aiuto da cittadini e aziende. Molti sono i modi per aiutarci: acquistando bomboniere solidali, organizzando un evento di raccolta fondi, destinando il 5x1000, offrendo beni e servizi, aderendo alle nostre attività con una donazione liberale, un lascito…. Anche partecipando ai nostri eventi istituzionali, come per esempio la maratona “ Corriamo insieme a Peter Pan “ in programma domenica 27 settembre nel parco di Villa Doria Pamphilj, una grande giornata di festa e giochi per grandi e bambini oltre che di sport solidale ».

Indirizzi Utili

ASSOCIAZIONE PETER PAN ONLUS
ACCOGLIENZA PER BAMBINI E ADOLESCENTI MALATI DI CANCRO
Via San Francesco di Sales, 16 00165 Roma
Numero verde: 800.984.498
info@peterpanonlus.it
www.peterpanonlus.it

Torna ai risultati della ricerca